mercoledì 20 ottobre 2010

C’è un collegamento tra questa realtà e la politica istituzionale

Inserito in Nazirock da admin il Settembre 10th, 2008

Articolo di Claudio Lazzaro su Liberazione del 6 maggio 2008
Un’analisi del regista del documentario Nazirock
C’è un collegamento tra questa realtà e la politica istituzionale
di Claudio Lazzaro

In qualche modo Nazirock, il film che ha raccontato i riti e le violenze della destra radicale, nasce proprio a Verona. Stavo viaggiando in terra di Padania per realizzare Camicie Verdi, un documentario sulla Lega Nord, quando mi sono imbattuto nel Veneto Fronte Skinheads. Il leader era Piero Puschiavo, leader di una band di rock. Un tipo di rock che ha molti nomi, identitario, nazional socialista, non conforme, ma che in Europa e negli stati Uniti viene sbrigativamente chiamato nazirock. I testi di solito hanno a che fare con l’odio per gli immigrati, con la difesa delle radici e dell’identità nazionale. Abbondano le istigazioni alla violenza, non mancano le nostalgie della Repubblica di Salò. Piero Puschiavo adesso non fa più la rockstar identitaria, ma è il coordinatore per il Veneto del Movimento Sociale Fiamma Tricolore. E nel film vediamo che il leader della Fiamma Tricolore, Luca Romagnoli, viene accolto sul palco degli oratori da Silvio Berlusconi, alla manifestazione del 2 dicembre 2006, quella dei due milioni. I due si stringono la mano, Berlusconi accarezza la bandiera della Fiamma.
C’è quindi un collegamento tra il Veneto Fronte Skinheads e la politica con la A maiuscola, quella parlamentare e istituzionale. Un collegamento allarmante, perché se andiamo a vedere chi era l’ispiratore del Veneto Fronte Skinhead scopriamo che si tratta di un certo Jan Stuart Donaldson, famoso per le sue canzoni razziste e per le sue dichiarazioni su Hitler: “Di lui ammiro tutto, tranne una cosa: avere perso”.
Allora ci rendiamo conto che certe frange dovrebbero stare fuori dalla porta. Perché quando la base di questi movimenti si sente sdoganata e legittimata dal sistema politico, allora, con ogni probabilità, diventa più aggressiva, tende a recuperare lo spazio che per anni si era vista negare.
Non voglio dire che la colpa della tragedia di Verona debba ricadere in modo diretto e inequivocabile sui movimenti politici della destra radicale. Ci sono forme di tribalismo giovanile in tutto il mondo. Le bande che difendono il territorio e aggrediscono il diverso si trovano anche nei paesi a democrazia più avanzata. Eppure se la violenza di destra aumenta e si propaga (i dati sono impressionanti, anche se stampa e televisione nella maggior parte dei casi tendono a ignorarli) una ragione ci deve essere.
Se restiamo alle cause di natura culturale, non dimentichiamo che il Veneto è la terra del sindaco leghista Gentilini, che a Treviso – scherzando, bontà sua – incitava i cacciatori a sparare agli immigrati, dopo averli infilati, per non spargere troppo sangue, in un costume da leprotto.
Il Veneto è terra di Lega. Ma quando in Camicie Verdi intervisto Mario Borghezio, nel suo letto d’ospedale (gli autonomi lo hanno picchiato) e gli chiedo se qualche politico gli abbia fatto visita, lui mogio mogio risponde: “No, nessuno. Mi hanno chiamato solo la Mussolini e Roberto Fiore.
Quindi Borghezio, il leghista più amato dal popolo padano dopo Bossi, ha un filo diretto con il leader di Forza Nuova e con la nipote del Duce, che fino a due anni fa coordinava il cartello della destra estrema, assieme al già citato Romagnoli (quello che non è sicuro che le camere a gas siano veramente esistite), a Tilgher (condannato per ricostruzione del Partito fascista), e a Fiore (condannato a più di cinque anni per banda armata).
C’è un terreno comune, ci sono in Veneto iniziative comuni tra la Lega Nord e questa destra radicale. E infatti Borghezio ha salutato con entusiasmo l’elezione di Alemanno a sindaco di Roma: “Da patriota padano”, ha scandito, “onore al merito ai romani. Hanno eletto un sindaco con una faccia onesta e simpatica e al collo il simbolo dei nostri antenati Celti”. Poco male se la croce celtica è anche il simbolo di una divisione delle SS. Del resto Marcello De Angelis, l’intellettuale più vicino ad Alemanno, quello che ha appena organizzato il seminario sul Ritorno delle élite, quando era leader di Terza Posizione si è aggiudicato una condanna a cinque anni.
Può anche darsi che i “ragazzi dal cuore nero” responsabili dell’omicidio di Verona siano solo degli sprovveduti con scarsissime nozioni di politica, ma l’esempio dato dalla classe dirigente, o più in generale il clima politico di questa nuova stagione, certamente non li ha dissuasi, non li ha fatti sentire fuori, estranei alle regole di una democrazia.
Detto questo, credo che con questi giovani si debba dialogare. Se li guardate, nelle sequenze di Nazirock, non vedete ragazzi cattivi. Nei loro occhi, più che odio c’è paura. Sono ragazzi spaventati dalla globalizzazione. Sono i nuovi proletari che potrebbero fare gli idraulici o i muratori, se non ci fosse un extracomunitario che lo fa a metà prezzo.
Credo che il linguaggio per parlare con loro vada trovato, e subito, prima che sia troppo tardi. Ho avuto una conferma di questa urgenza (che Pasolini aveva già avvertito nel 1974) presentando Nazirock in un centro sociale a Perugia. Eravamo nell’ex mattatoio. All’alba, dopo la proiezione il centro è stato devastato da sconosciuti. Un ragazzo che dormiva all’interno terrorizzato a morte.
Spaventati (e qui apro una parentesi) anche gli esercenti che avrebbero dovuto programmare nei cinema Nazirock, ma che hanno rinunciato dopo le diffide inviate dai legali di Forza Nuova (ma per fortuna il film è distribuito anche nelle librerie, da Feltrinelli Real Cinema).
Bene, torniamo a Perugia. Quella sera all’ex mattatoio c’erano molti giovani skin, che assomigliavano in tutto e per tutto ai giovani che avevo filmato al raduno di Forza Nuova. Stesso abbigliamento, stesso tipo di rock. Ma le parole erano diverse. Quei ragazzi non erano caduti nella trappola. Erano ribelli che si identificavano nei rituali e nell’estetica skin, ma erano lì attenti ad ascoltare il nostro dibattito sul nazifascismo e intervenivano, partecipavano in modo democratico. Chi, cosa aveva fatto la differenza? Evidentemente il radicamento che i centri sociali riescono ancora a realizzare tra i giovani e nella società civile. Mentre la sinistra dei salotti televisivi non ricorda nemmeno cosa sia.

Claudio Lazzaro

1 commento:

Simone ha detto...

molto bello